Arteterapia e Autismo.

In partenza a Cervia nuovi percorsi esperienziali per bambini dai 6 ai 9 anni.

Conduce Chiara Baldassarri per Fattore-D Centro di Creatività Permanente APS
Contattaci adesso per info e costi:
coordinamento@fattored.it
+39 353 438 6039
Laboratori di Gruppo aperti ad un max di 4 bambini per classe. Sedute in regola con quanto previsto dalla Normativa Sanitaria in vigore. Le attività sono rivolte ai soci regolarmente iscritti.

Cos’è l’autismo?

  • L’autismo è un disturbo neurologico che è evidente alla nascita e le cause di questa condizione sono attualmente sconosciute. I sintomi includono disfunzione sociale, comportamento compulsivo e ripetitivo, sensibilità sensoriale e mancanza di comunicazione verbale. Il trattamento convenzionale comporta tipicamente la modifica del comportamento, che altera le azioni negative attraverso un sistema di ricompensa e conseguenza.
  • Per le persone nello spettro dell’autismo, l’arte è il mezzo perfetto per incoraggiare le persone ad esprimersi. Poiché i bambini e gli adulti con disturbo dello spettro autistico (ASD) sono pensatori visivi, l’arte è un modo naturale per comunicare come si sentono e come vedono il mondo.
  • Le persone con ASD possono condividere pittoricamente la loro comprensione dell’ambiente attraverso il disegno, la pittura, la scultura dell’argilla o altre strade pratiche. Ciò consente agli individui la possibilità di elaborare il mondo in modo accomodante, sensoriale e illimitato.

Perché l’arteterapia è un modo valido per lavorare con le persone nello spettro autistico?

  • La maggior parte degli individui nello spettro autistico ha difficoltà con la comunicazione sociale e verbale. Alcuni sono non verbali, mentre altri trovano difficile tenere una conversazione e non sono in grado di leggere con successo il linguaggio del corpo e i volti degli altri.
  • L’arteterapia consente alle persone con ASD di usare il loro cervello già dotato di una mente visiva per comunicare attraverso i media artistici. Possono registrare immagini e dati visivi, esprimere idee ed elaborare ricordi che non sono in grado di fare verbalmente.
  • Si presume spesso che, poiché qualcuno non è verbale o ha capacità verbali limitate, non sia intelligente, ma questo è falso e ingiusto. Tuttavia, a causa di questo stigma, questi individui potrebbero non essere esposti all’arte o ad altre vie di espressione. L’arteterapia offre alle persone con autismo la possibilità di sviluppare capacità comunicative in un altro modo in un ambiente confortevole dove possono trovare felicità e successo.

In che modo l’arteterapia può aiutare i bambini nello spettro autistico?

  • Sessioni regolari di arteterapia aiutano gli studenti a scuola e a casa nell’interazione tra pari e famiglia, costruendo fiducia in se stessi e controllando le proprie emozioni. Acquisire familiarità con vari materiali artistici aiuta anche un bambino a sviluppare capacità motorie fini e grossolane più forti e consente loro una maggiore flessibilità in situazioni non familiari. Questa terapia non è la stessa di una lezione d’arte, ma è più un’esplorazione di un mezzo artistico come forma di espressione personale.
  • Questa terapia unica consente anche ai bambini con ASD di trasmettere i propri sentimenti in un modo che probabilmente non erano stati in grado di fare prima. Tenere un pennello o una matita, realizzare una collana infilando perline o modellando l’argilla fornisce un senso di controllo e aiuta a raggiungere la maestria. Molti bambini che hanno partecipato all’arteterapia mostrano con orgoglio le loro creazioni ad amici e familiari.
  • Sebbene la maggior parte delle sessioni di arteterapia siano individuali, possono verificarsi anche in un ambiente di gruppo. Avere risorse artistiche limitate consente ai bambini di esercitarsi nella condivisione e nel fare a turno e nel migliorare le abilità sociali tra i loro coetanei.
  • Lavorare in modo collaborativo su una singola opera d’arte favorisce anche le relazioni tra pari. In questo tipo di impostazione, un bambino disegna qualcosa e l’immagine viene passata alla persona successiva, che aggiunge al lavoro fino a quando tutti hanno contribuito con la loro parte. Questa attività consente ai bambini di riconoscere coloro che li circondano ed essere più consapevoli degli altri e del loro coinvolgimento nel progetto.
  • L’arte è emotiva, che tu la stia creando o guardandola. L’arteterapia consente ai bambini con ASD di riconoscere e controllare le proprie emozioni in una situazione strutturata. Molti individui nello spettro autistico hanno una mancanza di controllo degli impulsi e possono essere facilmente sovrastimolati. L’arteterapia aiuta i partecipanti a identificare le situazioni scatenanti e a sviluppare meccanismi di coping.

Quanti anni dovrebbe avere un bambino per iniziare l’arteterapia?

  • Un bambino con ASD può iniziare l’arteterapia a due o tre anni. È un meccanismo efficace per risolvere i problemi che corrispondono al loro stile di pensiero in un mondo che spesso li opprime e li lascia perplessi.

Come si inizia l’arteterapia con un bambino con ASD?

  • Tutti i bambini sono diversi, che siano o meno nello spettro autistico. Un approccio individualizzato progettato per soddisfare le esigenze di ogni studente funziona al meglio. La pittura può essere appropriata per un bambino, mentre la tessitura può essere la cosa migliore per un altro.

Le sessioni di arteterapia sono strutturate?

  • Avere una certa struttura durante le sessioni artistiche è essenziale. Per alcuni bambini, un’attività o un esercizio di riscaldamento può aiutarli ad acclimatarsi all’ambiente. Inoltre, annunciare verso la fine della sessione quanto tempo è rimasto può far sapere a un bambino cosa aspettarsi, piuttosto che terminare la sessione bruscamente, cosa che a volte può causare ansia.
  • Gli arteterapeuti hanno scoperto che anche limitare il numero di materiale artistico è utile. Avere molte scelte può essere opprimente e sovrastimolante. Alcuni materiali potrebbero non funzionare per alcuni bambini, quindi potrebbe essere necessario un periodo di prova ed errore. Gli individui con problemi sensoriali probabilmente non andranno bene con la pittura con le dita, poiché non vogliono toccare la vernice. Tuttavia, potrebbero utilizzare un pennello a manico lungo o soffiare la vernice attraverso una cannuccia o lavorare invece con matite colorate.

In che modo gli arteterapeuti aiutano le persone con ASD?

  • Gli arteterapeuti aiutano le persone nello spettro autistico con:
  1. Legame con l’arteterapeuta, i coetanei, i familiari.
  2. Sviluppare un talento artistico innato.
  3. Migliorare le capacità motorie.
  4. Riconoscere e rispondere in modo appropriato alle espressioni facciali.
  5. Immaginare e pensare in senso figurato.
  6. Gestire i problemi sensoriali.

Come scelgo un arteterapeuta?

Una volta trovato un arteterapeuta nelle vicinanze, contattalo per conoscere la sua esperienza sul campo. Una vasta esperienza è utile ma non richiesta, sebbene sia necessario un certo coinvolgimento per gestire le sfide uniche che presentano le persone con spettro autistico. Sia che il tuo bambino inizi a dipingere, creare gioielli o una serie di altre opzioni vantaggiose, c’è un progetto là fuori per loro che può adattarsi meglio alle loro capacità individuali. L’arteterapia è adatta a tutte le età, non solo ai bambini, e le famiglie nel loro insieme possono trarre vantaggio dall’esperienza.
Ti piace quello che facciamo? Sostienici con una donazione
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Termini

Totale Donazione: €25,00

Avete domande? Scrivici o vieni a trovarci.

viale Leopardi 58
48015 Cervia (RA) Italy

coordinamento@fattored.it

Newsletter

Ricevi le ultime notizie e aggiornamenti

Resta Conness*

© 2021 – Fattore-D. All rights reserved.